Perché iniziare da piccoli?

Perché iniziare da piccoli?
Ogni bimbo è un po' goffo, perché non conosce il suo corpo e lo spazio, tende ad avere un basso livello di autostima alimentato spesso da un meccanismo negativo come il rimprovero o la presa in giro, che potrebbe renderlo ancora più insicuro.
Quando un bambino si misura con nuove abilità e fatica, per esempio, ad arrampicarsi, perde facilmente l'equilibrio o non riesce a sollevare la palla con un piede, può sviluppare un certo senso di frustrazione. L'esperienza sgradevole rende il bimbo meno disposto a esercitare le sue capacità motorie.

Quindi quale sport scegliere?
La prima facile risposta da dare è che il bambino si deve divertire.
Il bambino si appassiona ad un’attività motoria, ovviamente sotto forma di gioco e di divertimento.
La cosa importante è che l’attività venga prospettata, sia da parte dei genitori che degli insegnanti come un qualcosa che “è bello fare” , slegata dall’insuccesso e dal risultato.
Questo è sbagliato non solo su un piano etico e sociale, ma anche funzionale : un adulto di domani, infatti, deve oggi essere un bambino che si diverte a fare sport e che cresce equilibrato e ricco di esperienze motorie. Il timore di alcuni genitori che il proprio figlio non possa diventare un campione se non comincia a specializzarsi in tenera età non ha ragion d’essere; è molto più importante che fin da piccolo acquisisca varie esperienze di movimento. Lo stress agonistico deve essere assolutamente evitato in un bambino, l’ansia potrebbe essere maggiore del piacere della pratica sportiva.

Perchè l'avviamento allo sport?
La domanda che più frequente fatta dai genitori è quale sia lo sport “più completo”; la risposta è che non esiste uno sport veramente completo, in quanto ogni attività fisica, quando viene indirizzata verso una specializzazione, promuove in chi la pratica certe caratteristiche a discapito di altre. Neppure il nuoto ha questo titolo, perché non interviene sull' abilità di coordinare il corpo rispetto allo spazio circostante, la propiocettivtà, la capacità di saltare, correre o lanciare oggetti e la capacità di socializzare e di lavorare insieme ad altri.
L’avviamento allo sport è un gioco motorio, che prevede abilità, destrezza, motivazioni per coordinarsi al meglio e riuscire e migliorare nel concludere un percorso motorio al meglio delle proprie possibilità.
Associare l’avviamento allo sport alla disciplina prediletta è un buon metodo per completare e utilizzare più schemi motori, non annoiare il bambino, che spesso può avere un rifiuto e decidere di abbandonare, lo sport praticato.

© 2014 Be-fit P.IVA 06259060827
S.S.D. Laurana 14 srl
Chiamaci: 091.625.82.63
DA LUNEDI A VENERDI DALLE: 6:30 – 21:00 · SABATO: 8:00 – 18:00
DOMENICA DALLE 9.00 ALLE 13.00

Seguici su: